Home » Turismo » Nel Resort » Chinova e Valle d’Aosta uniti per la promozione del turismo in Valle d’Aosta sul mercato cinese

Chinova e Valle d’Aosta uniti per la promozione del turismo in Valle d’Aosta sul mercato cinese

Chinova e Regione Autonoma Valle d’Aosta hanno presentato ufficialmente il 20 maggio 2013 un accordo commerciale volto alla promozione dell’offerta turistica e la vendita dei prodotti tipici della Valle d’Aosta sul mercato cinese attraverso un canale turistico creato direttamente sulle piattaforme e-commerce cinesi con la mediazione della Joint Venture cinese Chinova.
L’iniziativa è nata dall’intraprendenza dell’Amministratore Unico del Saint-Vincent Resort & Casino, Luca Frigerio, che commenta così l’accordo con Chinova: “L’accordo è frutto di un intenso lavoro di programmazione strategica. Determinanti sono state le varie missioni in Cina del nostro team, in particolare l’ultima, in gennaio 2013, quando abbiamo allacciato i contatti con procacciatori di giocatori, tour operator e i vertici di Chinapay.
L’accordo con Chinova rappresenta un passo molto importante per il Saint-Vincent Resort & Casino e giunge nel momento in cui è in fase di avanzata commercializzazione ad ampio raggio la nuova offerta di servizi di eccellenza che caratterizzeranno la struttura quando sarà completata a fine anno.
L’offerta turistica di sistema, che ci apprestiamo a vendere in Cina, ha tutte le carte in regola in termini di qualità e unicità del prodotto, standard di accoglienza e, soprattutto, esclusività”.


In base all’accordo quadro la Regione Autonoma Valle d’Aosta avrà un suo canale dedicato denominato Alps Experience all’interno delle principali piattaforme e-commerce attraverso la mediazione di Chinova, che curerà il posizionamento sui portali e-commerce, la traduzione dei testi, il supporto tecnico/logistico e fornirà forme di pagamento sicure attraverso Chinapay, unico sistema di processing interbancario cinese, costituito con i contributi capitali di oltre 80 istituzioni finanziarie cinesi.
Le potenzialità del nuovo accordo si capiscono analizzando i numeri offerti dal mercato turistico cinese:
nel 2012 sono stati 16 milioni i turisti, che saliranno a 80 milioni nei prossimi otto anni, per superare la soglia dei 100 milioni nel 2020, secondo le previsioni.
Numeri impressionanti, ma ancora minimi se paragonati a quello degli utenti internet: 500 milioni di persone quotidianamente connesse. Di questi ben 200 milioni hanno utilizzato una qualsiasi piattaforma di e-commerce e 7 milioni sono titolari di carta diamante, oro e black con cui Chinova ha un dialogo diretto via e-mail.
I titolari della carte più pregiate sono i nuovi ricchi cinesi. Giovani professionisti con un’alta preparazione scolastica, conseguita spesso all’estero, desiderosi di distinguersi  anche attraverso la scelta di vacanze esclusive, lussuose, con un ampio spazio dedicato allo shopping: il 30% del budget di spesa è destinato all’acquisto dei grandi marchi made in Italy. Per concedersi queste ‘fughe’, sono disposti a spendere mediamente 20 mila euro solo per il viaggio e altrettanti per lo shopping. Quasi un milione di queste persone posseggono capitali da 1.2 milioni di Euro e circa 60.000 hanno capitali da 12 milioni di Euro.
I mesi preferiti per i viaggi, che non sono scelti solo per motivi di prestigio personale, ma anche per studio, matrimonio, affari, sono maggio, ottobre e dicembre. È una clientela molto interessata alla meta Italia e al gioco in particolare.
Per la Regione Autonoma Valle d’Aosta l’accordo si inserisce in un piano di sviluppo turistico e commerciale con i mercati emergenti, portato avanti con grande impegno e lungimiranza. In merito a questo accordo Augusto Rollandin, Presidente Regione Autonoma Valle d’Aosta, annuncia: “Per la Valle d’Aosta l’opportunità rappresentata da Chinova è sicuramente un’occasione per destagionalizzare i flussi turistici e al tempo stesso aprirsi ad una nuova clientela, di alto livello, che è alla ricerca di quella unicità e tipicità di prodotto che pensiamo sia in grado di offrire la nostra Regione.
L’Amministrazione regionale si è quindi fatta portavoce, presso gli operatori turistici, dell’opportunità di arrivare al mercato cinese che, come indicano le statistiche e le proiezioni future, è uno dei più interessanti per tutto il continente europeo. Per il momento, gli operatori valdostani hanno dato la loro disponibilità ad attrezzarsi e a lavorare per rispondere al meglio alle esigenze e alle aspettative di questa nuova clientela; con la sigla dell’accordo fra Regione e Chinova crediamo che questa disponibilità si possa trasformare in vere opportunità di sviluppo del nostro sistema economico e turistico”.

Cosa ne pensi dell’accordo tra Chinova e la Regione Autonoma Valle d’Aosta?

Scrivi il tuo commento!

Guarda anche

Parc Hotel Billia

La classifica di Trivago premia il Parc Hôtel Billia

Trivago, grande motore di ricerca che raccoglie più di 200 milioni di recensioni di turisti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *